VIOLA GESMUNDO – 11 GOAL – CITTÀ E COMUNITA SOSTENIBILI

STAZIONE FERROVIARIA BRANDIZZO

Viola Gesmundo inaugura ufficialmente la nuova edizione triennale del festival Urban Art Field.  Attraverso un intervento che ci permette di  riflettere sul confine tra città e natura, la comunità resa sostenibile dalla natura e dal suo rinnovamento.

Traendo spunto da una figura femminile piemontese, la “Bela Cossotera”, 

Intervento organizzato da AK LAB e Urban Art Fieldrealizzato realizzato grazie al contributo e al sostegno di MEMO-Documenti visivi e Brandizzo Arte e Cultura, in un lavoro congiunto con il Comune di Brandizzo e il Centro Commerciale Artigianale Naturale Brandizzo e Fondazione CRT

Sponsor tecnico dell’evento Pagetto Paolo SAS – Edilizia e Ceramiche

Photo credits : Livio Ninni

VIOLA GESMUNDO

Viola Gesmundo (1987), architetta ed illustratrice di origini pugliesi, studia a Parigi e si laurea in Architettura al Politecnico di Torino nel 2014.

Nel 2015 si trasferisce a Rotterdam e lavora come illustratrice freelance. Ottiene una residenza d’artista con la Foundation B.a.d a Rotterdam conclusasi con un’opera site-specific sul tema dell’appropriazione dello spazio pubblico con titolo “Donne apparentemente in cucina”. 

Inoltre lavora al tema della cura e dell’interazione tra città, uomini, donne, bambini e ambienti collaborando alla rigenerazione di spazi pubblici attraverso la street art. 

“Nel 1706, si rese benemerita verso Torino e il Piemonte compiendo gesta di
grande coraggio. La giovane portava nascosti negli zucchini, raccolti nel suo orto,
messaggi segreti inviati dalla Rocca di Verrua Savoia, ancora in mano ai
Piemontesi, ai Torinesi assediati dalle divisioni francesi del generale La Feuillade.
Con grande coraggio attraversava le linee nemiche e si recava nella Torino
assediata, mantenendo il collegamento con le truppe Piemontesi”

Vai alla mappa!

STAZIONE FERROVIARIA

Piazza della Stazione, Brandizzo (TO)

SOTTO PASSAGGIO

HOME