Fabio Petani – Promethium & Jasminum Officinalis

BIBLIOTECA CIVICA MOME – CHIVASSO 

Promethium & Jasminum Officinalis è un intervento artistico realizzato sulla parete laterale della biblioteca civica Mome di Chivasso. 

Un’opera incentrata sul concetto di muro, il quale a sua volta si trasforma nella terra sulla quale nascono botanica e chimica.

L’opera mostra gli elementi che caratterizzano la ricerca artistica di Petani: una rielaborazione di piante e forme naturali, attraversate da forme astratte che si richiamano agli elementi chimici.

Intervento organizzato da AK LAB e Urban Art Field e realizzato grazie al contributo e al sostegno del Comune di Chivasso e del Laboratorio Gruppo5.

Fabio Petani
Fabio Petani

Fabio Petani

Fabio Petani Fabio Petani nasce nel 1987 a Pinerolo.

Dopo la maturità scientifica, si laurea in Beni Culturali presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Torino con una tesi sull’Arte Urbana e la cultura di strada dalle origini ai nostri giorni. Questa ricerca gli permette di avvicinarsi maggiormente al panorama artistico torinese e, insieme agli artisti Corsn79, MrFijodor, Etnik, Tenente e il fotografo Livio Ninni, entra a far parte dell’associazione Il Cerchio E Le Gocce (attiva a Torino, e non solo, a partire dal 2001).

Dal 2014 entra nel team di StreetAlps, un festival di Street Art inserito nel territorio delle alpi pinerolesi, e dal 2015 nel gruppo Murarte Torino.

Nei suoi lavori è presente una disordinata armonia di linee, forme e volumi che si integrano fra loro con colori tenui e armoniosi miscelati a elementi di rottura. La ricerca analizza l’aspetto chimico e molecolare degli oggetti da cui nasce un lungo lavoro di ricostruzione degli elementi della tavola periodica; una produzione sempre più ricca di particolari per far emerge una complessità organica in continua evoluzione. Ogni elemento chimico, come ogni pianta, ha in qualche modo una connessione con l’ambiente, lo spazio o il contesto dove il murale viene realizzato. L’importanza del legame fra opere e contesto viene ripresa anche nei lavori su legno, carta o altri supporti alternativi nei quali Petani cerca di lasciarsi trasportare dalla materia al fine di terminare la tavola periodica con un gruppo di opere che raccontino un’alchimia tra arte, chimica e natura.

I lavori di Petani mettono in scena il dualismo vita-morte fondendosi con gli edifici in disuso e dimenticati sui quali sono rappresentati, riportandoli alla vita.

Fabio Petani
mrfijodor-pavone

Vieni a trovarci sul nostro canale YouTube!

Guarda tutti i video degli interventi e le nostre playlist dedicate alla street art Italiana.

Vai alla mappa!

MOVICENTRO

Piazzale 12 Maggio 1944 – Chivasso (TO)

MURO LATERALE