Autrice: Carina Sabau

Ozmo - Minotauro

Viola Gesmundo – Biografia

Viola Gesmundo, nata a Foggia nel 1987, si laurea in Architettura presso il politecnico di Torino nel 2014. Dopo aver abbandonato la professione di architetta, in contrasto con le sue aspirazioni creative, sceglie di dedicarsi interamente alla propria carriera artistica. La sua vita si è spesso divisa tra Torino e Rotterdam, dove ha lavorato come illustratrice e ottenuto una residenza d’artista con la Foundation B.a.d., tramite la quale ha partecipato alla realizzazione dell’opera site-specific intitolata “Donne apparentemente in cucina”, basata sul tema dell’appropriazione dello spazio pubblico.

Fortemente interessata al rapporto dicotomico tra la città e la natura e tra l’uomo e l’ambiente, Viola esprime la sua passione attraverso murales, caratterizzati da una profonda libertà espressiva e continua sperimentazione. L’artista ripone molta fiducia nella forza dell’illustrazione, e dell’arte in generale, come mezzo principale di comunicazione, in grado di trasmettere messaggi e significati comprensibili a tutto il pubblico osservante.

Il tema centrale delle sue opere è l’interazione e la rigenerazione urbana, il cui intento è quello di donare un nuovo aspetto al grigiore della città. Riportando le parole di Viola

“quando disegno su un muro, soprattutto se pubblico, sento un grande senso di responsabilità del prossimo, in quanto ho la possibilità di rendere la giornata di un passante più allegra e colorata anche solo per un momento”.

Diventa chiaro l’impegno dell’artista nel tentativo di vivacizzare quei muri cupi attraverso le sue creazioni e rendere partecipe un pubblico ormai rassegnato alla monotonia urbana. 

La natura sostiene la città 

Howler Monkey Cru

Le tematiche affrontate da Viola rivelano una sensibile attenzione nei confronti dell’ambiente, creando un legame indissolubile tra arte e natura. L’opera “La natura sostiene la città” ne è un chiaro esempio, attraverso la quale l’artista vuole mettere in luce il rapporto – e il labile confine – tra città e natura. 

L’intervento artistico è concettualmente collegato all’undicesimo global goal, il cui scopo è quello di rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili. Le città possono diventare lo strumento per lo sviluppo sociale, economico, culturale e molto altro; e tuttavia l’ambiente urbano, e le problematiche che ne derivano quali l’inquinamento, è diventato ormai un ostacolo alla sostenibilità e al raggiungimento di una parità economica tra i cittadini. 

Eppure il rapporto natura-città non è l’unico elemento riscontrabile all’interno del murales, bensì si può notare anche una figura femminile dipinta di blu, adagiata sul terreno. Ciò che ha ispirato Viola per la rappresentazione di tale personaggio è stata la storia della Bela Cossotera, una verduriera brandizzese che

“nel 1706, si rese benemerita verso Torino e il Piemonte compiendo gesta di grande coraggio. La giovane portava nascosti negli zucchini, raccolti nel suo orto, messaggi segreti inviati dalla Rocca di Verrua Savoia, ancora in mano ai Piemontesi, ai Torinesi assediati dalle divisioni francesi del generale La Feuillade. Con grande coraggio attraversava le linee nemiche e si recava nella Torino assediata, mantenendo il collegamento con le truppe Piemontesi”.

Tale racconto, al pari dell’opera artistica, mette in luce il coraggio e l’intraprendenza della donna. 

ULTIMO INTERVENTO

vesod-respira

Nice and the Fox - Growing each other - GOAL 4 - Istruzione di qualità

L’opera, realizzata sulla parete esterna dell’Istituto Comprensivo del Comune di Brusasco, si rivolge ai più piccoli e ha l’intento di illustrare l’importanza del rientro a scuola e della didattica in presenza.

Lotta contro il cambiamento climatico

Migranti climatici: Le catastrofi ambientali sono una delle principali cause di migrazione. Il caso del Bangladesh

Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile

The Global Goas: I 17 punti ONU per la trasformazione del nostro pianeta. Da questi obiettivi nasce il concetto della terza edizione

Wasp Crew – La Salvezza

“La salvezza” racconta la tragedia dei migranti naufragi della nostra epoca, per raccontare un dramma sociale troppo sottovalutato.

I Pinguini di Pao

PAO e i sui pinguini a Chivasso – una vera e propria colonia di questi simpatici, e spesso buffi, personaggi

Ozmo – Visione di Tondalo

Ozmo Visione di Tondalo – Un’imponente pittura murale ricontestualizzando in chiave contemporanea un’immagine classica.

Ozmo – Minotauro

Ozmo – Il Minotauro è un’opera murale di grandi dimensioni (28m x10m) realizzata sulla parete della biblioteca Mome di Chivasso.

Mani Sporche: la prima edizione del festival

Mani Sporche: la prima edizione intitolata Mani sporche e dedicata alla lotta contro la mafia e tutte le forme di criminalità organizzate.

Mrfijodor – Pavone

L’opera raffigura un pavone posizionato di profilo con la coda che si apre a ventaglio su uno sfondo viola, un rimando cromatico al cognome di Franca Viola, alla quale è dedicata l’opera

Wasp Crew – Italia Turrita

L’allegoria dell’Italia turrita ha origine nell’età antica. Da allora ha sempre accompagnato la penisola italica nel suo percorso storico.

Howlers Monkey Cru – Robin Sparklers

Robin Sparklers la versione al femminile di Robin Hood, l’eroe che, in un regno governato da un falso re, “ruba ai ricchi per dare ai poveri”

Fabio Petani – Promethium & Jasminum Officinalis

Promethium & Jasminum Officinalis è intervento incentrato sul concetto di muro che diventa la terra dove nascono botanica e chimica.

Vieni a trovarci sul nostro canale YouTube