Autore: Bianca Ciceri

Galleria

Promethium & Jasminum Officinalis

Promethium & Jasminum Officinalis è un intervento artistico realizzato sulla parete laterale della biblioteca civica Mome di Chivasso. Un’opera incentrata sul concetto di muro, il quale a sua volta si trasforma nella terra sulla quale nascono botanica e chimica.

L’opera mostra gli elementi che caratterizzano la ricerca artistica di Petani: una rielaborazione di piante e forme naturali, attraversate da forme astratte che riprendono elementi chimici.

Nei lavori è presente una disordinata armonia di linee, forme e volumi che si integrano fra loro con colori tenui e armoniosi miscelati a elementi di rottura. La ricerca analizza l’aspetto chimico e molecolare degli oggetti da cui nasce un lungo lavoro di ricostruzione degli elementi della tavola periodica; una produzione sempre più ricca di particolari per far emerge una complessità organica in continua evoluzione. Ogni elemento chimico, come ogni pianta, ha in qualche modo una connessione con l’ambiente, lo spazio o il contesto dove il murale viene realizzato. L’importanza del legame fra opere e contesto viene ripresa anche nei lavori su legno, carta o altri supporti alternativi nei quali Petani cerca di lasciarsi trasportare dalla materia al fine di terminare la tavola periodica con un gruppo di opere che raccontino un’alchimia tra arte, chimica e natura.

Intervento organizzato da AK LAB e Urban Art Field e  realizzato grazie al contributo e al sostegno del Comune di Chivasso e del Laboratorio Gruppo5.

Fabio Petani – Biografia

Migranti climatici

Fabio Petani Fabio Petani nasce nel 1987 a Pinerolo.

Dopo la maturità scientifica si laurea in Beni Culturali presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Torino con una tesi sull’Arte Urbana e la cultura di strada dalle origini ai nostri giorni. Questa ricerca gli permette di avvicinarsi maggiormente al panorama artistico torinese e, insieme agli artisti Corsn79, MrFijodor, Etnik, Tenente e il fotografo Livio Ninni, entra a far parte dell’associazione Il Cerchio E Le Gocce (attiva a Torino, e non solo, a partire dal 2001).

Dal 2014 entra nel team di StreetAlps, un festival di Street Art inserito nel territorio delle alpi pinerolesi, e dal 2015 nel gruppo Murarte Torino.

Le sue opere si caratterizzano per la presenza di linee disordinate ma legate da una sorprendente armonia. Il suo lavoro origina da una ricerca concernente l’aspetto chimico e molecolare degli oggetti, producendo un lavoro di ricostruzione degli elementi della tavola periodica. Gli elementi chimici, invisibili a occhio umano, vengono riprodotti in forme geometriche.

Ogni elemento chimico presente nell’opera, come ogni pianta, ha una connessione con l’ambiente circostante. Questo legame tra opera e contesto viene ripreso anche nei lavori su legno, carta e altri supporti.

I lavori di Petani mettono in scena il dualismo vita-morte fondendosi con gli edifici in disuso e dimenticati sui quali sono rappresentati, riportandoli alla vita.

ULTIMO INTERVENTO

vesod-respira

Nice and the Fox - Growing each other - GOAL 4 - Istruzione di qualità

L’opera, realizzata sulla parete esterna dell’Istituto Comprensivo del Comune di Brusasco, si rivolge ai più piccoli e ha l’intento di illustrare l’importanza del rientro a scuola e della didattica in presenza.

Viola Gesmundo – La natura sostiene la città

Le tematiche affrontate da Viola rivelano una sensibile attenzione nei confronti dell’ambiente, creando un legame tra arte e natura.

Lotta contro il cambiamento climatico

Migranti climatici: Le catastrofi ambientali sono una delle principali cause di migrazione. Il caso del Bangladesh

Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile

The Global Goas: I 17 punti ONU per la trasformazione del nostro pianeta. Da questi obiettivi nasce il concetto della terza edizione

Wasp Crew – La Salvezza

“La salvezza” racconta la tragedia dei migranti naufragi della nostra epoca, per raccontare un dramma sociale troppo sottovalutato.

I Pinguini di Pao

PAO e i sui pinguini a Chivasso – una vera e propria colonia di questi simpatici, e spesso buffi, personaggi

Ozmo – Visione di Tondalo

Ozmo Visione di Tondalo – Un’imponente pittura murale ricontestualizzando in chiave contemporanea un’immagine classica.

Ozmo – Minotauro

Ozmo – Il Minotauro è un’opera murale di grandi dimensioni (28m x10m) realizzata sulla parete della biblioteca Mome di Chivasso.

Mani Sporche: la prima edizione del festival

Mani Sporche: la prima edizione intitolata Mani sporche e dedicata alla lotta contro la mafia e tutte le forme di criminalità organizzate.

Mrfijodor – Pavone

L’opera raffigura un pavone posizionato di profilo con la coda che si apre a ventaglio su uno sfondo viola, un rimando cromatico al cognome di Franca Viola, alla quale è dedicata l’opera

Wasp Crew – Italia Turrita

L’allegoria dell’Italia turrita ha origine nell’età antica. Da allora ha sempre accompagnato la penisola italica nel suo percorso storico.

Howlers Monkey Cru – Robin Sparklers

Robin Sparklers la versione al femminile di Robin Hood, l’eroe che, in un regno governato da un falso re, “ruba ai ricchi per dare ai poveri”

Vieni a trovarci sul nostro canale YouTube